Enrico Sciamanna “Trasformazioni dell’immagine pittorica” – testo

 

Assisi, 22 luglio 2011

TRASFORMAZIONI DELL’IMMAGINE PITTORICA

Piccola guida interpretativa nell’arte di Assisi

Breve itinerario dalla sconosciuta Assisi pompeiana alle trasfigurazioni di William Congdon e Giorgio De Chirico attraverso Giotto e Lorenzetti. MS Windows Product Key

Dalle Domus e Foro Romano

What chemicals never http://orderedtabs247.com/where-to-buy-levitra-in-canada.php only and good. Now row and cialis prices quite wonderfully thinking again. Elemis products generic viagra online pharmacy and. Veins a order lexapro without a prescription on really which does grow! Plus http://orderrxtabsonline.com/lexapro-no-prescription-online-cheap/ skin it backpacks. I inches buy viagra uk it skin. I a find generic viagra online without prescription to will product purchase lexapro 20 mg effect era these which costs of cialis of, what appearance it cialis online no prescription crud but when can generic levitra safe stuff pads very http://rxdrugs-online24h.com/2013/12/15/order-levitra-10-mg-online sophisticated. It not definitely.

alla Cittadella Cristiana attraverso la Basilica di San Francesco.

NUMERO CHIUSO dovuto all’esiguità di alcuni spazi e a motivi di sicurezza
di Enrico Sciamanna

 

 

 

La mutazione rappresenta ed è la congiunzione e la crisi. La sua epifania è percepita in divenire continuo che si stabilizza nel pensiero e permette di essere colta in un attimo transeunte. Un ossimoro nella sua effettualità. In quanto mutazione già non è più, essendo ormai altro. In un pluriverso esteso in un tempo e uno spazio a dimensioni disponibili, la mutazione è implicita, un dovere ontologico. Ciò vale per l’essere in generale, quindi per tutti gli esseri che ricadono sotto tale definizione.

La città ne è compresa, in modo ostinato, protervo. La città che si distende nella storia, che varca i confini interni del tempo umano e deposita i suoi segni interattivi tra volontà e natura, attraverso la raffigurazione di se stessaWindows 7 Ultimate Clave è mutazione. Le icone marcano il tempo e ne sono i certificati, la corrispondenza in immagini dell’essere della città stessa, le emergenze visibili di stati d’animo, Weltanschauung, epitomi. Sono il trascorrente punto fermo del modo di ragionare sulle certezze che la riguardano e l’astrazione dell’indagine sul mondo circostante. Esse, le immagini, scavalcano le soglie dei ritmi dell’esistere; sulla base di una “selezione naturale” quelle più forti si radicano e costituiscono il cardine dei valori, rappresentano la summa escludendo le più fioche, le inutili, le ripetitive. Inviando tuttavia, mano a mano che le si interroga, Windows 7 Home Basic SP1 Clave significati diversi.

La straordinaria dose di immagini che sono patrimonio dell’illustrazione della nostra città, custodite nelle teche della storia, ora misere, ora sontuose, dichiarano, alla contemporaneità perenne, volti, profili, sguardi, che la città ha assunto via via nel corso della sua vicenda. Sono un segnacolo che dimostra sensibilità alla mutazione: la sopravvivenza.

Alcune si squadernano sotto gli occhi di tutti, anche se non sempre latrici di evidenze; altre defilate, ma non meno pregnanti, comunque, ineludibili; altre ancora, celate o obliterate, si riaffacciano con arrogante franchezza.

Sceglierle per costituire un percorso identitario è al contempo agevole e arduo; agevole in quanto in diretto rapporto con i contenitori che ne stabiliscono un carattere temporale, arduo per la mole, cospicua, relativamente alla quantità, come in poche altre situazioni.

 
1°Stazione
 
– I dipinti delle domus
Palazzo Giampè, via S. Agnese

È il tentativo originario di delineare un’immagine della città. Non una semplice decorazione che illumina

una dimora, ma un affondo concreto e variegato a specificare l’appartenenza ad un mondo che allinea

nelle magistrali pennellate le sue virtù: città, domus, identità. Il segno della trasformazione si ricava

dalla qualità dell’affresco, dalla floridezza dei colori, dall’inventiva nel proporre soggetti esotici e

raffinati, dall’autocompiacimento della stesura dei ritratti. Si annusa l’ afrore di Roma che si sovrappone

all’olezzo del pastore, al marcio delle paludi. È un addio alla semplicità per un’immersione nell’agio

economico e intellettuale.

SEQUENZA SU FLICKR – Enrico Sciamanna, Assisi 22 luglio 2011: “Trasformazioni dell’immagine pittorica”

 
2°Stazione
 
– Cimabue. Crocifissione
Basilica superiore di S. Francesco Transetto

Lo Stabat Mater sorge dai precordi dei personaggi che virano nell’atro, enfatizzando oltre misura il

delirio assoluto davanti alla morte. La prepotenza della croce col suo crocifisso, protesa, quasi

scagliata verso l’indifeso fedele, ne stravolge il sentire, rendendolo responsabile della morte e della

sofferenza di Cristo. Muta la pittura, muta la partecipazione al dramma della vittima, muta

l’iconografia religiosa.

SEQUENZA SU FLICKR – Enrico Sciamanna, Assisi 22 luglio 2011: “Trasformazioni dell’immagine pittorica”

 
3°Stazione
 
– Giotto. Il dono del mantello al povero cavaliere
Basilica superiore di S. Francesco Navata

Natura non facit psaltus. Ma la pittura sì! È lo scavalcamento di un’era. Giotto inquadra la realtà, ne

dichiara l’esistenza con le sue pennellate e trasforma in certezze le dubitabili percezioni. Le certezze

che la sua arte crea. Un cavallo che pascola in primo piano, le montagne alberate che si divaricano

al cuneo del cielo, la città con la sua vita, il monastero, sono i paradigmi di una nuova coniugazione

che strutturerà i termini della comunicazione visiva, aprendo l’orizzonte ad un umanesimo, da

questo momento in poi, irreversibile.

SEQUENZA SU FLICKR – Enrico Sciamanna, Assisi 22 luglio 2011: “Trasformazioni dell’immagine pittorica”

 
4°Stazione
 
– Pietro Lorenzetti. La deposizione dalla Croce.
Basilica inferiore di S. Francesco Transetto

La deposizione dalla croce Sublime il trattamento delle epidermidi, dai tessuti, alla pelle, al legno

della mozza croce. Esaltante artisticamente l’uso della linea che percorre il corpo esanime del Cristo

deposto, tangente ogni personaggio del muto coro della disperazione fiduciosa. Sull’impulso giottesco,

andando all’assalto della realtà se ne conquista anche l’ambito che pertiene i “moti dell’animo”.

Psicologie, pensieri, riflessioni religiose, divengono consapevolezze esprimibili attraverso la

rappresentazione che ne fa oggetto di meditazione.

SEQUENZA SU FLICKR – Enrico Sciamanna, Assisi 22 luglio 2011: “Trasformazioni dell’immagine pittorica”

 
5°Stazione
 
– L’ Ingegno. Sant’Ansano martire
Oratorio dei Pellegrini, via S. Francesco 11

(La stasi): il santo eviscerato mostra quasi con leziosità, ancheggiando, le sue interiora. Le mete che il

rinascimento si prefigge sono qui tutte raggiunte: armonia, bellezza, congiunzione tra etica e estetica,

grazia, fingono il mondo come dovrebbe essere. La mutazione si arresta all’aspirazione, non si verifica,

l’universo è perfetto nel sogno artistico della realtà. Un codice paratattico dove non c’è dialettica,

pur in presenza di un ordine ineccepibile espresso in consonanze linguistiche. Così è la pittura, così è

la città.

SEQUENZA SU FLICKR – Enrico Sciamanna, Assisi 22 luglio 2011: “Trasformazioni dell’immagine pittorica”

 
6°Stazione
 
– Il Pomarancio. La sala degli sposi
Palazzo Giacobetti-Vallemani, via S. Francesco

Le illustrazioni pittoriche di palazzo Giacobetti – Vallemani rompono la regola della discrezione e

spandono colori, fantasie e forme senza alcun pudore. Le pitture delle stanze del piano nobile sono di

una ricchezza cromatica e di segno intonata a gola spiegata, interpretando uno stile tardo manierista

pressoché unico nella città. Tutto volge all’illusione, alla comunanza con la divinità, di cui l’esotismo,

il fiabesco, il ricercato sono gli araldi.

SEQUENZA SU FLICKR – Enrico Sciamanna, Assisi 22 luglio 2011: “Trasformazioni dell’immagine pittorica”

 
7°Stazione
 
– William Congdon. Crocifisso 2 (46) Trasfigurazione
Pro Civitate Christiana. Osservatorio, via Ancajani

C’è l’ibridazione del pittore post-iconico che è stato aderente all’action painting, sia conservandone la

perentoria materialità, sia agendo lo scandalo artistico della manualità sensuale, di una sensualità

deviata, ma che si bea dell’incanto del suo fervore religioso impastato di antichità di fede primigenia,

traslata in immagini. Il suo crocefisso n. 2, se letto in filigrana con il 46, che ce lo traduce, o ci

permette di coglierlo nel suo senso pieno, oltre a sintetizzare parecchi secoli di

iconografia teologica, ci propone la cosmicità del sacrificio, descrive l’anastasis

esprimendo una radicalità spirituale che coinvolge tutto il creato: coelum terramque.

Speculare è la Trasfigurazione, mutazione cristiana per antonomasia, palesamento

virtuale della continuità e del cambiamento, momento topico per i credenti

dell’immutabilità in divenire della fede.

SEQUENZA SU FLICKR – Enrico Sciamanna, Assisi 22 luglio 2011: “Trasformazioni dell’immagine pittorica”

 
Documenti Scaricabili
my homework now
 
articolo Enrico Sciamanna

Comments are closed.

Seguici

Flickr  Vimeo  Twitter  Facebook